A volte il viaggio ti mette di fronte a bivi per questo è importante essere pronti al cambiamento. Byron Bay.

Byron Bay - A volte il viaggio ti mette di fronte a bivi per questo è importante essere pronti al cambiamento. Byron Bay.

Le isole più importanti della costa est viste, metà del tragitto da Cairns a Sydney fatto, tutto sembra procedere per il meglio, invece no iniziano i “problemi”.
Una cosa interessante del viaggio è che a volte ci sono degli intoppi, ti mette davanti a delle scelte, dei bivi e tu devi essere pronto al cambiamento, a prendere una decisione e continuare a prescindere.
Il viaggio nella sua completezza ti prepara alla vita, infatti anche nella vita spesso ci sono ostacoli, ma in un modo o nell’altro bisogna saper cambiare, bisogna ripartire.
Tutto sembrava proseguire bene, posti bellissimi, l’esperienza con il van che mi coinvolgeva sempre più.
Dopo le varie isole visitate della costa est, continuo la mia discesa verso sud, passo la Sunshine Coast, Brisbane e Gold Coast, posti che avevo già visitato durante la mia permanenza di lavoro a Brisbane.
Dalla Sunshine Coast però, la mia discesa verso sud inizia a complicarsi.
Il van sta cambiando, non è più quello di prima.
Sento che la guida inizia ad essere più difficile, ormai lo conosco bene, non è più lo stesso.
Il rumore si intensifica, il fumo dietro aumenta, la velocità diminuisce.
Fa fatica ed io me ne accorgo.
Nonostante tutto non voglio fermarmi, voglio continuare, ma più continuo più peggiora.
Sento che sta per arrivare alla fine.
Quando si compra un van in Australia, si sa che c’è il pericolo di rimanere a piedi.
I van spesso sono vecchi e con molti chilometri.
Le distanze qua sono lunghe e la gente usa questi van per viaggiare e poi li rivende, per questo il chilometraggio è alto.
Il mio era bello e sembrava andare ancora molto bene nonostante l’età, però in questi ultimi giorni sta mollando.
Riesco comunque a vedere la Sunshine Coast e Brisbane, anche a raggiungere la Gold Coast, però il van arriva in uno stato critico. Quasi impossibile da guidare.
Chiamo la mia assistenza stradale e mi consiglia praticamente di lasciare perdere, ci sono troppi problemi che girano intorno al motore, i costi sarebbero alti e non è detto che riuscirei a venderlo successivamente.
Non ho una casa fissa, non ho abbastanza soldi da investire per la sistemazione del van, decido quindi di abbandonarlo e di continuare con le mie gambe, senza progetti e senza rimorsi, ma sempre con il sorriso e la determinazione.
Riempio il mio zaino con le cose essenziali e tutto quello che ci sta, mentre il resto rimane li, abbandonato insieme al van.
Ero affezionato al van, era il mio sogno australiano, l’ho raggiunto attraverso sacrifici e questo mi ha reso felice ed orgoglioso, adesso però non c’è tempo di guardarsi indietro, tutto fa parte del passato.
Mi ritrovo sul ciglio di una strada, senza una bussola, camminando con il mio zaino in spalla, ho perso molto, ma non tutto.
Con un po’ di determinazione riprendo la rotta verso sud e tra pullman ed ostelli raggiungo Byron Bay.
Da qui in avanti il mio stile di viaggio cambia, ma sicuramente non finisce.
Di Byron Bay me ne hanno sempre parlato bene, tutta la gente che è stata li se n’è innamorata.
Io non ho sentito le stesse sensazioni di tutti.
Si, è sicuramente un bellissimo posto, con viste fantastiche, però troppo turistico, troppa gente.
Viene considerato come “posto hippy”, ma a me non è sembrato così.
Il paese in se è molto piccolo, ma molto carino, un paio di vie piene di bar, ristoranti e negozi.
La spiaggia principale è molto interessante e grande, ma se ne trovano altre nei dintorni più isolate e belle.
La cosa che sicuramente fa la differenza è la scalata al faro, sentieri bellissimi, viste stupende e soprattutto la possibilità di mettere i piedi nel punto più ad est dell’Australia.
Il faro comanda dall’alto, padroneggia, oltre che ad offrire viste fantastiche.
Si vedono tartarughe e delfini dall’alto se si è fortunati.
Anche Byron Bay tutto sommato merita una visita, ma consiglierei di sfruttare un po’ più i dintorni del paese per entrare nella natura del posto e godere al massimo di quello che offre.
Forse uscendo dal centro del paese si assapora di più la sua vera realtà.
Questo viaggio mi sta mettendo nuovamente alla prova, ma sono pronto ai cambiamenti ed a prendere decisioni importanti.
Non c’è uomo più completo di colui che ha viaggiato.
Byron Bay ed oltre.

Lascia un commento