Le fattorie australiane non sono una prigione, sono un’esperienza di vita

IMG 56951 - Le fattorie australiane non sono una prigione, sono un'esperienza di vita

Quando si viene in Australia, si sa che per estendere il visto di un altro anno, bisogna affrontare l’esperienza di lavoro in una fattoria.
In Australia e non solo, si sente spesso parlare delle fattorie australiane e quando questo accade, molte persone si preoccupano, per i vari commenti negativi che sentono e quindi dal fatto che devono intraprendere questa esperienza.
È sicuramente vero che ci sono molte fattorie non all’altezza, dove c’è gente che sfrutta o tratta in malo modo, ma è altrettanto vero che ci sono fattorie oneste e con persone eccezionali.
A volte è solamente una questione personale, da come si è fatti e come si affrontano le situazioni.
Per quanto mi riguarda è stata un’esperienza formativa ed un percorso molto positivo, dove ho incontrato persone bellissime e sono ulteriormente cresciuto.
È iniziato tutto quattro mesi fa, quando, come tutti, mi chiedevo come sarebbe andata e dove sarei finito.
Mi ero ripromesso che se mi fossi trovato male, avrei lasciato il giorno dopo, ma ho voluto pensare positivo, ho voluto dare un’opportunità a questa esperienza prima di giudicarla.
Un consiglio che mi sento di dare, per trovare una buona fattoria, è di affidarsi al passaparola, ad esempio, quando si conosce qualcuno che ha già vissuto questa esperienza, gli si chiede se si è trovato bene o meno. Nel caso di risposta positiva si chiedono i contatti della fattoria, in modo da poter proporsi, nel caso contrario ovviamente no.
Io, grazie a questo metodo, ho trascorso i miei giorni in questa fattoria di fragole, che mi ha permesso di ottenere il secondo visto australiano, di vivere un’esperienza indimenticabile e di conoscere persone oneste e simpatiche.
Devo ammettere che a volte il lavoro e gli orari si sono fatti sentire, però se si crea la giusta armonia con il team di lavoro, tutto è più semplice e più divertente.
Quest’esperienza credo mi abbia fatto crescere molto e sotto aspetti differenti, grazie soprattutto agli altri, al confronto di mentalità e culture diverse, oltre che alle varie situazioni in cui mi sono trovato e che non avrei mai vissuto in vita mia se non avessi intrapreso questo percorso.
Come sempre ho imparato molto dagli errori, sia miei che altrui. Gli errori sono sempre uno spazio di crescita.
Ho capito ancora una volta che l’umiltà è essenziale e che non bisogna mai dare priorità ai valori materiali rispetto a quelli umani, perché quando questo accade il rapporto umano si sgretola.
Questi mesi passati in fattoria sono valsi doppio, per tutto quello che ho visto e vissuto, è stato come vivere due volte.
Penso che un’esperienza del genere farebbe bene a molta gente per tutto quello che insegna.
Una cosa che mi piace delle fattorie è che di solito si trovano in posti isolati, dove non ci sono tutte le attrazioni che offre una città, per questo si ha un forte contatto con la semplicità, si impara a vivere i rapporti più a stretto contatto e quindi a condividere di più i momenti.
Niente televisione, a volte distante anche da bar, supermercati e ristoranti, in zone dove si ha tanta natura e tranquillità, lontani da gente e caos.
Sono quelle esperienze che ripuliscono l’anima, che fanno guardare dentro e studiare se stessi, per focalizzarsi sul proprio essere e diventare una persona migliore.
Non bisogna giudicare un’esperienza prima di averla vissuta, bisogna semplicemente provare e poi si possono esprimere opinioni. Ma a prescindere da questo, penso che ogni esperienza che si intraprende nella vita sia positiva per essere migliori.
Dopo avere vissuto questa avventura, mi sento di dire che le fattorie australiane non sono una prigione, sono un’esperienza di vita.
Adesso è arrivato il momento di aprire un nuovo capitolo, di fare quello che realmente amo e per la quale sono qua, VIAGGIARE.
Tra tre settimane inizierò il mio road trip intorno all’Australia, ma prima voglio concedermi una vacanza, voglio portarvi in altri confini, ma questo lo scoprirete prossimamente.

2 Risposte a “Le fattorie australiane non sono una prigione, sono un’esperienza di vita”

  1. Gianmario Polenghi dice: Rispondi

    Grande nipote.Sono contento e orgoglioso di avere un nipote come te!!! Continua le tue esperienze di lavoro e di vita ti porteranno ad avere un atteggiamento è un approccio alla vita ale che le avversità che ti si presenteranno saranno affrontate e risolte in modo semplice.GRANDE sei riuscito a sconfiggere gli scettici dimostrando la tua grande maturità. Un grosso abbraccio sarò sempre con te !!!!!

    1. Grazie mille zio 😉
      Faccio semplicemente quello che mi piace e che al momento mi rende felice. Sarebbe inutile avere dei sogni e non provare a realizzarli.
      Grazie ancora e un abbraccio grande..

Lascia un commento