Moreton Island: un tuffo nel deserto. La vita è tutta un equilibrio tra l’esaltazione e il tracollo.

Featured Video Play Icon

La vita è tutta un equilibrio tra l’esaltazione e il tracollo, ma ci vuole sempre quel pizzico di follia per fare qualcosa che vada oltre il normale, qualcosa che fa paura però alla fine porta gioia.
Come sempre sono alla ricerca di nuove avventure, ma questa volta anche di un po’ di relax.
È da tempo che voglio andare a Moreton Island, un’isola sabbiosa, nonché una delle più grandi nel mondo, situata sulla costa sud-est del Queensland in Australia.
Sono molto esaltato perché sono riuscito a ritagliarmi un paio di giorni liberi per andarci e finalmente godere dei suoi tramonti e delle sue vedute.
Moreton Island può essere raggiunta attraverso diversi traghetti a seconda del punto che si vuole raggiungere sull’isola e dalla prenotazione fatta.
Per esempio se si vuole arrivare al Tangalooma Resort (l’unico sull’isola), c’è un traghetto apposta, se invece si vuole semplicemente raggiungere l’isola sarà un traghetto diverso.
Questo perché la zona del Resort è un’area privata, quindi utilizzabile solo ed esclusivamente da chi ci pernotta e chi ci lavora. Chi decide di non pernottare li può sfruttare però i vari campeggi sull’isola, ma non le attività o i servizi che offre il Resort.
Io per godere al massimo di Moreton Island ho scelto il Resort, per il semplice fatto che posso sfruttare tutte le varie attività che offre.
È mattina presto, il vento soffia sul traghetto, ma il viaggio è delicato. Inizio da lontano a vedere la sagoma dell’isola, la forma delle sue coste. Finalmente sono arrivato e il sorriso sul mio volto è aumentato.
L’aria è diversa, sa di nuova avventura, sa di felicità, sento già quella tranquillità che cerco e la natura che fa da contorno.
Vengo subito accolto e portato al Resort. Ci sono tempi d’attesa per la camera, ma io non sono il tipo che si lamenta per queste cose, lascio lo zaino e vado a fare una passeggiata.
Mi allontano dall’area riservata al Resort, ho bisogno di staccarmi da tutto.
Che meraviglia!! Solo sabbia e natura, niente strade, solo il vento che sbatte sul mare.
Mi siedo su un tronco a guardare il mare e penso. Sento la mente libera e fresca, ed è li che mi ricordo di quanto sia bella la vita, la gioventù.
Mare, spiaggia, vento, alberi, pesci, uccelli, solo melodie naturali, cosa chiedere di più!!
Prenoto qualche attività da fare sull’isola e scelgo quelle più accessibili.
Un viaggio in barca mi porta alla scoperta delle shipwreck, delle barche fatte affondare a proposito tanti anni fa, divenute oggi grande oggetto di visita e di snorkeling grazie ai tantissimi esemplari di pesci che ci vivono dentro.
Questa è stata la prima attività che ho fatto e devo ammettere che è stato spettacolare.
Nuotare nell’acqua accerchiato da tantissimi pesci era una cosa che non avevo mai provato e mi ha dato una forza incredibile.
Oltre a questo, il Resort permette di fare tante attività, come ad esempio il noleggio di bici e quad, oppure nutrire i pesci a largo, ma quelle che sicuramente mi hanno colpito in particolare sono state il dare da mangiare ai delfini e il safari nel deserto.
I delfini mi hanno dato un’emozione incredibile. Mi era già capitato di vederli da vicino, ma non avevo mai provato a nuotarci da parte o a dargli da mangiare. Mi sono sentito catapultato in un mondo parallelo, dove tutto era perfetto.
Anche il safari è stato eccezionale, nel mezzo del deserto, il nulla intorno, solo silenzio. Li ho provato un’attività molto comune sull’isola, una specie di snowboard, però sdraiati su una tavola e scendendo per le dune gigante di sabbia. Bellissimo!!
Sono stati due giorni veramente molto belli, pieni di emozioni, di viste e di nuove avventure, oltre che di momenti di relax e di pensieri, per raggiungere ancora una volta quell’equilibrio interiore che ci vuole nella vita.
Moreton Island mi ha dato allegria, mi ha fatto aumentare la voglia di viaggiare e soprattutto mi ha ricordato ancora una volta quanto la vita sia bella, per questo è un dono godere di ogni attimo.

Lascia un commento