L’arrivo a Sydney dopo 3000 km percorsi sulla strada

Featured Video Play Icon

Partenza Cairns, arrivo Sydney, 3000 km percorsi, tutti sulla strada, tutti con un’unica ed imprescindibile idea..viaggiare.
Quante emozioni e quante avventure, quante cose successe in poco tempo. Il viaggio ti lancia addosso la vita a 360 gradi.
Mare, spiagge, montagne e natura, quanti posti, quante sensazioni.
La costa est australiana è terminata, infatti ho raggiunto Sydney, ho raggiunto il capolinea del mio primo itinerario con arrivo all’Opera House.
Il mio viaggio è partito in van e campeggi ed è finito in pullman ed ostelli e mi ha fatto capire ancora una volta quanto un attimo può cambiare la vita intera.
La vita però come sempre è bella e sono arrivato a Sydney con il sorriso.
Sydney non mi entusiasma particolarmente, è vagamente simile a Londra (città che amo), però ha un grande punto di forza, soprattutto d’estate. Le spiagge.
Ebbene si, Sydney è circondata da molte spiagge molto carine, ma quella che spicca di più per fama è sicuramente Bondi Beach.
Vedere per la prima volta l’Opera House devo ammettere però che è stata un’emozione, fa parte dei simboli australiani per eccellenza.
La zona che circonda questo simbolo australiano, inoltre, è bellissima, con una vista incredibile del ponte di Sydney e il grande giardino botanico con i palazzi del centro che spuntano sullo sfondo.
Il mio vagabondare per la città mi ha portato a scoprire anche diversi mercati, uno su tutti è quello del pesce, che nonostante i prezzi molto alti vale veramente la pena provare.
Anche Sydney ha la sua Chinatown collocata in centro, dove oltre ai bar ed ai ristoranti spicca il giardino cinese formato da tanto verde e piccoli templi che lo riempiono.
La baia che entra in Sydney propone inoltre piccole isole interessanti, una su tutte è Cockatoo Island, la più grande nel porto della città.
Quest’isola è praticamente una ex prigione imperiale, scuola industriale, riformatorio e carcere.
Oggi l’isola è diventata un punto turistico dove è possibile alloggiare in tende già collocate sul posto e vedere le stelle brillare sopra Sydney.
Sydney ha tante attrazioni, molte cose da scoprire e diversi punti dove osservare la città.
Il punto di maggiore interesse è sicuramente Milsons Point, dove si può ammirare l’Opera House da una bella angolazione e i grandi edifici del centro contrastare il cielo.
È uno foto della città che va scattata prima di lasciare per altre direzioni.
Penso che per un po’ di tempo mi fermerò qua, in modo da risollevare il mio conto e ripartire per nuove mete.
Sydney è probabilmente la città più cara dell’Australia ed è anche diversa dal mio standard ideale di città, però troverò ugualmente i miei momenti di spensieratezza.
Le città australiane che ho visto finora sono moderne e con poca storia. Sydney si presenta allo stesso modo.
Insieme a Melbourne è la città più importante dell’Australia e questo fa si che è caotica per la mole di gente che passa da queste parti, ma nonostante questo si trovano i propri spazi di libertà, grazie anche alla grande natura che propone.
Intorno a Sydney ci sono anche aree molto interessanti da visitare e prossimamente vi ci porterò.
Da adesso in poi quindi sarò fermo qua, ma tra qualche mese prometto che riprenderò il cammino.
Avrò comunque modo di esplorare posti e stare attivo, perché la mia anima da viaggiatore ne ha bisogno.
Cairns – Sydney, 3000 km sulla strada, la strada della felicità.

2 Risposte a “L’arrivo a Sydney dopo 3000 km percorsi sulla strada”

  1. Ciao Luca
    È tanto che non ci sentiamo ,ti leggo sempre nei tuoi resoconti del tuo meraviglioso viaggio. Sono contento che hai trovato la tua strada anche se questa ti porta lontano da noi .Manchi molto a tutti ma siamo sicuri che tutto questo ha un suo fine la tua felicità.
    Un grosso abbraccio Mario

    1. Ciao zio!
      Grazie mille, mi fa piacere che mi segui sempre.
      Si, viaggiare mi fa stare bene e sono felice poi tu sei sempre dalla mia parte 😉
      Un abbraccio dall’Australia..

Lascia un commento